Torre dell’apprendimento Montessoriana – Learning tower

Oggi vi parlerò della torre dell’apprendimento, che è un rialzo con protezioni laterali che permette ai bambini di arrivare all’altezza dei piani di lavoro, dove può svolgere attività come un adulto.

Abbiamo costruito la nostra learning tower quando la Chloe aveva poco più di un anno, perché già da diversi mesi voleva partecipare alle attività in cucina. Inizialmente si accontentava di giocare con  pentole e mestoli sul pavimento e alcuni alimenti da manipolare: patate, limoni, cipolle…

Ma dopo alcune settimane non le bastava più manipolare gli oggetti per terra, ma voleva seguire passo passo la preparazione dei pasti e non era facile cucinare con lei in braccio se non addirittura impossibile.

Quindi avevamo deciso che era il momento di cimentarci nella costruzione di una torre dell’apprendimento Montessoriana, in modo che potesse assistere e aiutare nella preparazione dei pasti, e renderla più autonoma.
Non sapevamo da quando normalmente viene messa a disposizione la torre, pensavamo che a tredici mesi fosse presto, ma abbiamo deciso di provare, al più l’avremmo riproposta qualche mese dopo.

Un sabato mattino siamo andati all’Ikea a comprare lo sgabello Bekvam e di ritorno ci siamo fermati in un fai da te ad acquistare del legno, delle viti, pennelli e della pittura verde.
Non sto qui a scrivere il tutorial del progetto perché in internet ce ne sono già molti ben fatti, ed è davvero semplice ed economico costruirsi da sè la torre dell’apprendimento. Se ci siamo riusciti noi ce la fanno tutti!

Nel pomeriggio tutti insieme l’abbiamo costruita, il papà dirigeva i lavori e io e la Chloe facevamo da assistenti, in un ora abbiamo finito.

Abbiamo aspettato la sera dopo che la Chloe si fosse addormentata per pitturare la nostra bellissima learning tower tutta di verde, come gli accessori della nostra cucina. Un paio di mani di pittura ed era pronta per essere testata.

Domenica sera abbiamo messo  la nostra torre in cucina e la Chloe si è subito fiondata a guardarla e toccarla e dopo due minuti, non ci siamo nemmeno resi conto di come abbia fatto, era salita.
Ha capito immediatamente come salire, ha cucinato con me e al momento di andare a tavola a mangiare, non voleva più scendere.

All’inizio riusciva solo a salire e la dovevamo aiutare per la discesa. Dopo poche settimane ha incominciato a prendere confidenza anche nello scendere e in men che non si dica le è venuto naturale.

È passato un anno da quando l’abbiamo costruita e è tuttora un’accessorio indispensabile per la nostra cucina.

Con il tempo i suoi utilizzi si sono moltiplicati, infatti la usiamo anche in bagno per raggiungere il lavello per lavarsi i denti, le mani e la faccia.

Indubbiamente per noi si è rivelata estremamente utile e versatile, non possiamo che consigliarvela!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *